martedì 5 giugno 2007

come te non hanno niente

> Egon Schiele, Gli amanti, 1917

...io non posso che ammirare, non posso non gridare che ti stringo sul mio cuore per proteggerti dal male, che vorrei poter cullare il tuo dolore, il tuo dolore...

...farti scudo col mio cuore da catastrofi e paure, io non ho niente da fare, questo è quello che so fare. Io non posso che adorare, non posso che leccare questo tuo profondo amore, questo tuo profondo, non posso che adorare questo tuo profondo...

> Irene Grandi, Bruci la città

Nessun commento:

Un po' di Persepolis per tutti!